Colesterolo

Il colesterolo è un lipide steroideo molto importante per l’organismo. È, infatti, un componente delle membrane cellulari, di cui regola la fluidità e la permeabilità.

È contenuto nell’emoglobina e nei sali biliari ed è il precursore della vitamina D e degli ormoni steroidei maschili e femminili, come il testosterone e il progesterone.

È particolarmente abbondante nel cervello, nella bile e nel sangue. Ma alcune delle forme presenti proprio nel sangue possono essere un grande nemico della salute: l’ipercolesterolemia, cioè livelli di colesterolo “cattivo” troppo alti, è un potente fattore di rischio cardiovascolare, nel senso che aumenta la probabilità di andare incontro a un infarto.

Valori inferiori possono essere causati da anemie, da atrofia muscolare, da ipotiroidismo, da leucemia, da mioglobinuria.

Hdl

colesterolo buono

Ldl

colesterolo cattivo

E’ noto che le HDL trasportano il colesterolo dai tessuti verso il fegato, dove viene demolito, e le LDL permettono il percorso dal fegato verso i tessuti.

Durante il tragitto le LDL, che hanno un’alta affinità per la parete delle arterie, possono favorire il deposito del colesterolo. Ciò dà luogo alla formazione di ispessimenti, le placche aterosclerotiche o ateromi, che riducono il diametro delle arterie, ostacolando il flusso del sangue.

Viceversa le HDL rimuovono il colesterolo in eccesso. Per questo motivo si parla di colesterolo buono (HDL) e di colesterolo cattivo (LDL). Ciò che è veramente importante non è, quindi, avere bassi livelli di colesterolo totale, ma un buon livello di colesterolo HDL, in modo da diminuire la probabilità di formazione delle placche.

Valori inferiori possono essere causati da anemie, da atrofia muscolare, da ipotiroidismo, da leucemia, da mioglobinuria.